ULTIMI GOSSIP & NEWS

Addio all’ultimo maestro del cinema italiano Mario Monicelli!

E’ morto ieri sera a 95 anni l’ultimo maestro del cinema italiano, Mario Monicelli. Il regista di tante pellicole storiche e famose come ‘L’Armata Brancaleone’, ‘Amici miei’, ‘Il Marchese del Grillo’, ‘Parenti serpenti’ e ‘Speriamo sia femmina’ purtroppo si è suicidato, buttandosi dal quinto pianto dell”ospedale San Giovanni di Roma, dove era ricoverato dal giorno prima per un tumore. Non c’è nessun messaggio per motivare il tragico gesto, ma forse il regista  in un momento di sconforto per la terapia della malattia che l’aveva colpito ha deciso di farla finita, di terminare la sua sofferenza.

O forse si era ‘solo stancato’ di vivere a quasi 100 anni e con tanto patrimonio artistico lasciato a noi ‘comuni mortali’ con le sue numerose e preziose opere. Un modo di ‘andare via’ che era stato scelto anche dal padre, il giornalista-scrittore antifascista Tomaso Monicelli, suicidatosi nel 1946 e il cui corpo era stato ritrovato proprio da lui. Noi vogliamo ricordarlo con alcune immagini che lo ritraggono e il video  della sua ultima apparizione del 25 marzo 2010 a Raiperunanotte di Santoro, durante la quale aveva dato una visione critica e rivoluzionaria delle società di oggi (all’interno). Addio maestro!RIP…

E proprio sulla scomparsa del padre aveva dichiarato:

Ho capito il suo gesto. Era stato tagliato fuori ingiustamente dal suo lavoro, anche a guerra finita, e sentiva di non avere più niente da fare qua. La vita non è sempre degna di essere vissuta; se smette di essere vera e dignitosa non ne vale la pena. Il cadavere di mio padre l’ho trovato io. Verso le sei del mattino ho sentito un colpo di rivoltella, mi sono alzato e ho forzato la porta del bagno. Tra l’altro un bagno molto modesto.

 Sull’amore e come una sorta di ‘testamento sentimentale’ aveva detto:

Per rimanere vivo il più a lungo possibile. L’amore delle donne, parenti, figlie, mogli, amanti, è molto pericoloso. La donna è infermiera nell’animo, e, se ha vicino un vecchio, è sempre pronta ad interpretare ogni suo desiderio, a correre a portargli quello di cui ha bisogno. Così piano piano questo vecchio non fa più niente, rimane in poltrona, non si muove più e diventa un vecchio rincoglionito. Se invece il vecchio è costretto a farsi le cose da solo, rifarsi il letto, uscire, accendere dei fornelli, qualche volta bruciarsi, va avanti dieci anni di più.

fonte| AnsaWikipedia – foto dalla rete

6 Commenti su Addio all’ultimo maestro del cinema italiano Mario Monicelli!

  1. Che tristezza…. ;-( ;-(

  2. Stellavellutata // 30 novembre 2010 alle 15:05 //

    Non amo il cinema italiano ma mi dispiace

  3. Io voglio ricordarlo come quando l’ho incontrato e gli ho stretto la mano, come hanno fatto tutti i presenti, perchè lui non era la star che scappava via fingendo impegni. Era un’evento della Fox per l’uscita di una serie di dvd rimasterizzati, era una persona lucidissima e brillantissima nonostante l’età. Una grande perdita per il cinema. Sono molto dispiaciuta ma se ha preso questa decisione lo ha fatto sicuramente per un buon motivo anche se irrazionale alla nostra vista.
    (F)

  4. @ Amaranta:
    con queste leggi cattoliche applicate a tutti, come potremmo non temere un giorno del genere? io ho il terrore!!!!

  5. è triste però che un uomo si 95 anni per poter ANCORA decidere di sè stesso prima che sia troppo tardi sia costretto a buttarsi dalla finestra…io penso che tutti quanti noi dovremmo farci un esame di coscienza e provare a metterci nei panni di queste persone che temono il giorno in cui finiranno attaccati a un respiratore…

  6. l’ultimo dei grandi… un vero orgoglio italiano, dio quanto mi dispiace!

commenta questo gossip