George Clooney arrestato con il padre per il Sudan

Dopo l’arresto di Russell Brand, apprendiamo che un’altra star è stata arrestata oggi e per motivi decisamente più nobili. L’attore (50) è stato portato via in manette dalle autorità locali mentre prendeva parte ad una protesta non autorizzata di fronte all’ambasciata sudanese di Washington.

Lo scopo era portare l’attenzione sul presidente del Paese africano, Omar al-Bashir, che stà provocando una vera e propria crisi umanitaria bloccando al confine cibo e ogni sorta di aiuto alla popolazione del Sudan, interessato da un aspro conflitto e come vi avevamo già descritto solo ieri sulla star ricevuta al Congresso.

Impegnato nella protesta accanto a George anche suo padre, il giornalista Nick Clooney, che è finito in manette insieme all’attore e ad alcuni parlamentari dopo aver rifiutato per tre volte di seguito l’invito dei poliziotti ad andarsene. Il gruppetto è poi stato portato via con un veicolo dei Servizi Segreti statunitensi.

Mentre veniva portato via senza opporre resistenza george continuava a spiegare ai giornalisti presenti:

Tutto questo è per far si che il governo di Khartoum la smetta di uccidere sistematicamente uomini, donne e bambini innocenti. Che la smetta di violentarli e ridurli alla fame. E’ tutto quello che chiediamo.

Un impegno reale quello dell’attore che, come vi abbiamo raccontato solo qualche giorno fa, di ritorno da un viaggio in Sudan ha testimoniato in prima persona di fronte al Congresso l’emergenza a cui ha potuto assistere con i suoi occhi. E in un’intervista precedente al suo arresto raccontava di come fosse felicemente impressionato dal fatto che il Presidente Barack Obama si stia impegnando per risolvere l’emergenza.

Max Millien, portavoce dei servizi segreti, ha comunicato a People che l’attore è stato collaborativo durante l’arresto. Attualmente Clooney è accusato di aver oltrepassato il nastro della polizia che delimitava la proprietà privata dell’ambasciata e creando disordine, un reato minore e verrà trasportato dagli agenti al Metropolitan Police Department per essere processato.

Intanto un portavoce di George ha dichiarato con un comunicato:

Stavano protestando per le violenze commesse dal governo del Sudan su uomini, donne e bambini innocenti di quel Paese. Chiedevano che venisse permesso agli aiuti umanitari di engtrare nel Paese prima che diventi la più grande crisi umanitaria del mondo.

Un rischio molto prossimo secondo l’attore che nei giorni scorsi ha spiegato al mondo che nulla di tutto ciò si potrà evitare senza un intervento concreto nei prossimi 3 o 4 mesi. E speriamo davvero che, non solo venga presto rilasciato, ma anche che le sue belle parole e il gesto di esporsi in prima linea non siano vani. Bravo George, che ci piace moltissimo in questa veste di attivista!

il video dell’arresto

Fonti| People, Daily mailAnsa



4 Commenti

  1. Saraaaj scrive:

    ma c’era bisogno poi di legargli le mani con quel filo che mi sembra quello di plastica che si usa per bloccare i fili…mi sembra che comunque george se la ridesse…anche perchè ha richiamato più l’attenzione il suo aresto che altro…anche se non sono una sua grandissima fan…bravo george!!!!

  2. A scrive:

    @ Isa-B:
    NON SI Pùò CHE DARTI SUPER RAGIONEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEE!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!(Y) (Y) (Y) IN ITALIA SONO POCHE LE COSE CHE FUNZIONANO LO DICO CON DISPIACERE!;-( ;-( …….MA CLOONEY UN PAIO D ORE è USCITO DAI! ;-)

  3. Omg scrive:

    ah pero’ :S e se fosse una cosa organizzata x attirare ancor piu’ attenzione su problematica del Sudan?? mi sembra strano l’altra sera a cena con Obama e poi dopo due giorni i suoi del FBI lo arrestano?? boh spero sia così ;-)

  4. Isa-B scrive:

    roba da matti….gente per molto di più è a piedo libero qui in Italia e li basta poco che ti mettono dentro…. :-S (N) E come al solito del Sudan da noi si sa poco se non nulla…io per esempio ho scoperto di questo sconcio solo ieri scrivendo appunto di Clooney ;-(

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

CLICCA QUI PER SIMPATICHE EMOTICONS by LR